ITALIANO

Wang Yi condanna la dichiarazione dei ministri degli Esteri dei paesi G7

criPublished: 2022-08-04 21:03:49
Share
Share this with Close
Messenger Pinterest LinkedIn

Il 4 agosto, durante la sua partecipazione alla serie di incontri per la cooperazione tra i ministri degli Esteri dell’Asia orientale a Phnom Penh, il consigliere di Stato e ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha condannato risolutamente la dichiarazione relativa a Taiwan da parte dei ministri degli Esteri dei paesi G7.

Wang Yi ha affermato che il processo delle tensioni nello Stretto di Taiwan è stato chiarissimo. Sono gli Stati Uniti che hanno provocato lo scontro, che hanno creato la crisi e che hanno peggiorato lo stato di tensione.

Il ministro degli Esteri cinese ha sottolineato che la dichiarazione dei ministri degli Esteri dei paesi G7 confonde il giusto con lo sbagliato, e accusa infondatamente la Cina per le sue misure ragionevoli e legittime adottate per salvaguardare la propria sovranità e integrità territoriale: “Che diritto hanno di attaccare la Cina? Chi ha dato loro questa qualifica? È estremamente strano tutelare i trasgressori e accusare i difensori dei diritti!”.

Wang Yi ha inoltre affermato che le azioni sbagliate del G7 hanno suscitato la rabbia del popolo cinese. La sovranità e l’indipendenza della Cina e di altri paesi sono state ottenute dalle sanguinose lotte del popolo e non potranno mai essere violate senza motivo. Il ministro degli Esteri ha poi detto che la Cina di oggi non è più la Cina del 19esimo secolo e che quella storia passata non dovrà più ripetersi.

Share this story on

Messenger Pinterest LinkedIn